Come farsi regalare dal vostro Lui un regalo gradito!

Una missione possibile

«All’inizio, come sempre, c’è la necessità di capire come funziona il cervello del maschio – spiega Enrico Banchi -. Le differenze nella conformazione dei cervelli di entrambi i sessi fanno sí che questi reagiscano in modo diverso agli input ricevuti. Conoscendo come lavora il suo cervello e dando gli imput giusti le probabilitá che il tuo compagno ti regali ció che desideri si innalzeranno a dismisura».

 

Evita di confonderlo

«Non sprecare tempo facendo sapere al tuo uomo cosa NON vuoi! Troppe informazioni lo mandano in confusione. Il cervello maschile è semplice e la sua capacitá di ascoltare limitata». In più si corre il rischio di portarlo sulla cattiva strada: se lui si dimentica di registrare il NON hai fatto autogol!

 

Un’immagine vale più di mille parole

«Il cervello maschile risponde emotivamente alle immagini – spiega Banchi -. L’ipotalamo maschile “marca” un punto di memoria sulle immagini che attraggono l’attenzione… Quindi il consiglio è: fai in modo che il tuo compagno veda l’oggetto che sogni e leghi a questa immagine una sensazione di piacere». Un commento, un riferimento a qualcosa che gli faccia associare il tuo oggetto del desiderio a qualcosa che lui conosce e considera bello… ed il gioco è fatto.

 

Trovati un complice

«Il cervello maschile è gestito dal testosterone, che si mantiene nei livelli “sani” ogni volta che gli uomini prendono una decisione che si rivela utile…». Sarebbe un’umiliazione fargli arrivare l’informazione in modo troppo diretto, sarebbe come dirgli che non lo credi capace di pensare a un regalo giusto: «Quindi – continua Banchi – fagli arrivare l’informazione su cosa desideri tramite un amico o un’amica. Conserverà la sensazione di aver scelto il regalo a tua insaputa, cosa che lo fará sentire bene e decisamente gratificato».

 

Fai un po’ di teatro

Mentre passeggiate insieme per le vie dello shopping ti imbatti “per caso” in ciò che speri sia il tuo regalo. Sempre “per caso” manifesti apprezzamento. Ma non essere troppo discreta. «Se sei disposta a rivelare emotivamente cosa desideri – spiega infatti Enrico Banchi -, fallo sapere con reazioni “esagerate”, un po’ teatrali. La capacitá del cervello maschile di leggere le microespressioni facciali e di cogliere le sfumature nelle intonazioni della voce è limitata. Se ti tieni troppo fra le righe, il tuo uomo non si accorgerà di quello che stai cercando di comunicargli».

 

Sveglia la sua voglia di competere

In amore, in guerra e nel periodo dei regali, tutto è permesso. Se dunque è il suo desiderio di primeggiare che ti farà evitare l’orrido maglioncino con applicazioni, non esitare a giocare sporco. «Sveglia la sua voglia di competere – suggerisce Enrico Banchi – facendogli sapere, con descrizioni accurate e ricche di dettagli, le peripezie che ha seguito il compagno di una tua amica pur di trovarle un regalo da mille e una notte. Se questa persona risulta essere anche un suo amico, tanto meglio! Non c’è niente che dà più soddisfazione a un uomo che dimostrare di essere meglio di un proprio amico».

 

Se il tempo stringe…

Se il giorno si avvicina e lui invece è sempre più lontano dal farti il regalo giusto allora gioca il tutto per tutto. «Fai una lista dei regali di Natale con scritto il nome della persona a cui pensi di regalare l’oggetto indicato nella lista – spiega Banchi -.

Scrivi anche il tuo nome con quello che desideri e lascia la lista in un posto dove lui la possa trovare “per caso”». Il consiglio vale anche per fargli sapere taglie, misure e marche. Se ti senti davvero disperata diventa lecito l’uso dell’evidenziatore!

 

Ci sono quelle fortunate (poche) che hanno un marito-fidanzato-compagno attento, che conosce la loro taglia (sia di abito che di underwear), che sa cosa desiderano, che ha un’idea precisa di cosa va di moda e di cosa è indicibilmente out, che sa qual è il loro stile, cosa piace loro e cosa vorrebbero davvero pur non avendo mai avuto il coraggio di comprarselo. Poi ci sono le altre (tante, tantissime). Quelle che scartano il pacchetto e non ce la fanno neanche ad accennare un sorriso di cortesia, tanto è sideralmente lontano ciò che hanno tra le mani da quanto desideravano. Per loro ecco una guida utile, forse indispensabile, per far sapere al proprio lui quale regalo fare, senza però che se ne accorga. Preziosi consigli che abbiamo chiesto a Enrico Banchi, managing director della scuola di Palo Alto, studioso da anni di Neuroscienza urbana, termine da lui utilizzato nei suoi seminari dedicati proprio al funzionamento del cervello maschile e femminile

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: